La strategia per la sicurezza dei 27

27 paesi in cerca di un’appropriata strategia di sicurezza

Olivier de France
ECFR Alumni · Former Researcher
Nick Witney
Senior Policy Fellow
Publication cover
Full text available in
Summary available in

La crisi in Mali ha nuovamente messo in luce la mancanza di concretezza delle ambizioni militari europee e di una visione condivisa. Malgrado il consenso generale sulla necessità d’azione comune,  la missione è stata lasciata alla sola Francia.

Nel nuovo paper di ECFR, “Europe’s strategic cacophony”, gli autori Nick Witney e Olivier de France, analizzano le strategie di sicurezza di ciascuno dei 27 stati membri dell’UE, concludendo che molte di queste sono antiquate e inadeguate. Gli autori sostengono che sia giunta l’ora per i leader europei di porsi importanti domande sulla sicurezza, di condividere idee e di lanciare un vero dialogo strategico in vista del Consiglio Europeo di dicembre.

Il fallimento dovuto alla mancanza di una seria riflessione sulla questione della sicurezza: costituisce un costo: La mancata comprensione dei rischi che l’Europa può trovarsi ad affrontare impedisce, a causa dei tagli di budget dovuti alla crisi, di sostenere le spese militari; minaccia la credibilità Europea: Senza una vera cultura strategica, le ambizioni dell’Europa e degli stessi stati membri di raggiungere una credibilità a livello globale, sono indebolite; ci espone a seri rischi: pochi stati europei , guardando oltre alle finalità di occupazione, sociali ed industriali, si chiedono a cosa servano realmente le forze armate.