Una nuova Gaza: la politica di frontiera della Turchia nella Siria settentrionale

Gli Stati membri dell'UE possono trovare il modo di cooperare con la Turchia per sostenere la stabilizzazione delle zone sotto il controllo turco in Siria

picture alliance/Carol Guzy/ZUMA Wire ©
Full text available in English
Also available in

Per decenni, i leader turchi hanno promesso che il loro paese non avrebbe mai perseguito alcun tipo di espansione territoriale – così presiedendo, come successo in passato, su uno Stato nazionale moderno costruito sulle ceneri di un vasto impero. Ma ora il Paese controlla un tratto della Siria lungo il suo confine meridionale, di fatto espandendo il dominio turco. Questo improvviso tentativo della Turchia di espansione oltre i propri confini riflette una silenziosa rivoluzione nella politica estera turca e presenta sfide importanti che, a lungo andare, potrebbero influenzare la capacità della Turchia di controllare quest'area o di perseguire i suoi obiettivi ben più ampi in Siria. Per l'Unione Europea e i suoi Stati membri non è mai stato facile comprendere gli obiettivi della Turchia in Siria – ma questa volta dovrebbero prestare maggiore attenzione alla situazione.

In un nuovo rapporto ECFR, Asli Aydıntaşbaş, Senior Policy Fellow esamina gli obiettivi, le sfide e le implicazioni della creazione di una nuova zona di sicurezza a maggioranza araba nel nord della Siria e propone raccomandazioni su come l’UE dovrebbe approcciarsi alla questione della Turchia nella Siria del nord, tenendo in conto le preoccupazioni, gli interessi e i principi degli europei.

Tra le principali raccomandazioni:

  • Ricostruzione e de-radicalizzazione a Idlib: Idlib è un terreno difficile per gli aiuti europei perché è controllato da un gruppo terroristico designato dall'ONU, l'HTS. Ma, dal momento che tali aiuti in parte raggiungono già l'Idlib, è nell'interesse dell'Europa provvedere alla loro espansione.
  • Estensione dell'accordo per i rifugiati: l'UE potrebbe stabilire che i nuovi fondi debbano andare alla zona a maggioranza araba, chiamata Scudo dell’Eufrateper progetti civici e per il reinsediamento dei rifugiati.
  • Sostegno all'istruzione laica nella zona Scudo dell'Eufrate (ESZ): L'UE può estendere l’accordo per i rifugiati attraverso un protocollo separato in sostegno dell'istruzione delle ragazze e dell'educazione laica attraverso il Ministero dell'Educazione della Turchia nella zona.
  • Un accordo sui valichi di frontiera e sul commercio curdi: il ripristino delle rotte commerciali faciliterebbe la situazione umanitaria nelle zone controllate dai curdi e migliorerebbe le relazioni con la Turchia.
  • Simultanea rappresentanza curda e delle ESZ: Gli europei possono cercare di convincere la Turchia a togliere il veto sulla rappresentanza curda o sulle SDF presso il comitato costituzionale guidato dall'ONU a Ginevra, in cambio di una rappresentanza ufficiale delle ESZ dei consigli locali.
  • Il ruolo potenziale di Afrin nella riconciliazione: È importante che l'UE continui a fare pressione su Ankara affinché utilizzi Afrin per aprire un dialogo tra i curdi laici e le minoranze ad Afrin.

L'Europa è stata riluttante nell’ impegnarsi con la Turchia e a legittimarne il controllo all'interno della Siria, ma ci sono possibili aree di cooperazione che non violano i principi e le preoccupazioni fondamentali dell'Europa.

Agendo collettivamente, gli Stati membri dell'UE possono raggiungere un grande affare con la Turchia: in cambio di aiuti europei mirati alla ricostruzione e la stabilizzazione nella zona di sicurezza, la Turchia solleva il suo veto sulla ricostruzione nelle aree curde o permette ai curdi siriani di partecipare al processo politico guidato dall'ONU sul futuro della Siria. Ciò eliminerebbe un grosso ostacolo al processo dell'ONU e rafforzerebbe lo sforzo internazionale a favore di una transizione politica che ponga fine al conflitto in Siria.