Un confronto con gli Houthi: come l’Europa può promuovere la pace in Yemen

In Yemen, gli stati europei dovrebbero adottare un approccio fondato sulla condizionalità, incrementando lo spazio di manovra politica e umanitaria, e spingendo tutte le parti al tavolo negoziale

picture alliance/ ASSOCIATED PRESS/ Hani Mohammed ©
Full text available in English
Also available in

Partendo da una piccola enclave arroccata sulle montagne nel nord dello Yemen, in due decenni il movimento degli Houthi ha conquistato gran parte del paese. Governa ora su due terzi degli yemeniti, reprimendo le forze rivali e macchiandosi di abusi dei diritti umani. Gli Houthi, che hanno tenuto a bada una coalizione di dieci paesi guidata dall’Arabia Saudita e sostenuta dagli Stati Uniti, bramano riconoscimento internazionale mentre cercano di portare a compimento la propria campagna militare.

In un nuovo policy brief ECFR, Helen Lackner e Raiman Al-Hamdani analizzano chi sono gli Houthi, come sono giunti a dominare il paesaggio politico e militare dello Yemen e quali ambizioni coltivano. Dal loro studio emerge che gli Houthi non siano semplicemente burattini dell’Iran, bensì una forza locale yemenita che deve essere compresa nei suoi propri termini.

Tra i risultati principali della ricerca:

  • le preliminari promesse di un governo più giusto e trasparente avanzate dagli Houthi alla popolazione yemenita non hanno portato a nulla. Il gruppo sta esercitando una repressione brutale;
  • gli Houthi ora governano la maggior parte della popolazione dello Yemen; in considerazione di ciò, dovrebbero essere inclusi nelle iniziative per portare a termine il conflitto e ristabilire la pace nel paese;
  • gli Houthi cercano riconoscimento internazionale, stanno affrontando progressive sfide interne, e potrebbero non voler più estendere il controllo anche sulla parte meridionale del paese. Questo apre uno spazio di negoziazione;
  • gli Houthi sono sì sostenuti dall’Iran, ma sono spinti da propri interessi e muoveranno guerra indipendentemente dalla posizione di Teheran;
  • gli stati europei dovrebbero adottare un approccio fondato sulla condizionalità, incrementando lo spazio di manovra politica e umanitaria, e spingendo tutte le parti al tavolo negoziale.

La pubblicazione descrive un contesto preoccupante del controllo e della governance degli Houthi; ciononostante, si raccomanda che l’UE e gli stati membri riconoscano il bisogno di interagire con il movimento Houthi per fare dei progressi politici.

Lo scopo di questa pubblicazione è duplice:

1. fornire ai policymakers europei un approfondimento sui migliori modi di trattare con il gruppo, e sviluppare una strategia per ristabilire un certo grado di stabilità e pace in Yemen

2. spiegare come e perché gli Houthi hanno acquisito l’attuale controllo del panorama politico e militare yemenita, esaminando i significati per il futuro del paese e per la fine della guerra.