Cina e Russia sfidano l’Occidente

Mathieu Duchâtel
ECFR Alumni · Deputy Director, Asia and China Programme
Senior Policy Fellow
François Godement
ECFR Alumni · Director, Asia and China Programme
Senior Policy Fellow
Publication cover

In breve

Le esercitazioni navali congiunte condotte da Cina e Russia nel settembre di quest’anno hanno messo in evidenza la crescente cooperazione fra i due paesi in materia di politica estera. Tuttavia, è improbabile che questo rapporto si trasformi, nel breve periodo, in una vera e propria alleanza.
Nel giugno del 2016, i due paesi hanno firmato una 'dichiarazione congiunta sul rafforzamento della stabilità strategica globale'; ad ottobre, i partecipanti russi al Forum di Xiangshan, la conferenza più importante di Pechino in materia di sicurezza, sono stati ricevuti con i massimi onori; nel 2015 i Presidenti Putin e Xi hanno partecipato alle rispettive parate militari a Pechino e Mosca.
Le relazioni bilaterali tra i due paesi sono principalmente fondate su economia – la Cina è primo partner commerciale della Russia, mentre la Russia è fra i primi dieci partner commerciali della Cina – e geopolitica. Secondo, Mathieu Duchâtel, Senior Policy Fellow ECFR, “Il fattore chiave del recente riavvicinamento tra Cina e Russia è da trovare in una visione sempre più simile degli affari internazionali – visione che comprende un'ostilità condivisa nei confronti degli Stati Uniti”

Questa tesi è stata sostenuta anche da commentatori cinesi, tra i quali Zhao Huasheng, il quale ha elogiato la Russia per la sua opposizione all’'egemonia internazionale'. Tuttavia, nonostante questa visione di fondo sostanzialmente condivisa, la Cina ha ancora grandi riserve su un'eventuale alleanza con la Russia.

Secondo Zhao, non vi è stato grande sostegno reciproco per le rispettive avventure militari in Ucraina o nel Mar Cinese Meridionale. Anche Chen Yu ha ricordato come il totale dei rapporti commerciali russi con l'Europa ancora superino di quattro volte quelli con la Cina: il tanto atteso'ricambio strategico' non ha avuto luogo. Fu Ying sottolinea il peso delle lezioni apprese dai politici cinesi nel corso della storia, già in passato delusi dai cambi di posizione della Russia dopo la firma dei trattati di alleanza sino-russi del 1896, del 1945 e del 1950.

Nonostante la presenza di evidenti ostacoli ad un’eventuale alleanza sino-russa, secondo François Godement, Direttore del Programma ECFR Asia e Cina, “l’indebolimento delle alleanze tra le potenze occidentali crea nuovi spazi per una convergenza strategica a rischio zero tra Russia e Cina su un crescente numero di questioni – dalla negazione del diritto internazionale, al contenimento dell'ONU. Non sarà una vera e propria alleanza, ma siamo davvero sicuri che le alleanze occidentali dureranno per sempre?”