Come può l’Europa rafforzare la sua posizione nel Golfo?

Gli europei cambiare l'equilibrio di potere nel Golfo a loro favore avvicinandosi con più flessibilità ai Paesi della regione

U.S. Department of State
Full text available in English
Also available in

Le monarchie arabe del Golfo sono al centro di un nuovo “balance of power” in Medio Oriente e Nord Africa. Con il declino del dominio regionale degli Stati Uniti e l'emergere del caos dell'ultimo decennio, i membri del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC) hanno rafforzato il proprio ruolo internazionale come mai prima d'ora.

I Paesi europei, abituati a seguire gli Stati Uniti nella regione, faticano ad adattarsi al nuovo ordine multipolare, non comprendendo la nuova capacità delle relazioni politiche e delle vaste risorse finanziarie di stati come Qatar, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti.

L'instabilità della regione rappresenta una grave minaccia per la sicurezza economica, energetica e territoriale dell'Europa. Una ulteriore escalation dei conflitti nei quali i paesi GCC sono attori principali, come le crisi in Libia e Yemen, accrescerebbe la minaccia terroristica per l'Europa e potrebbe scatenare una nuova crisi di rifugiati.

Il nuovo policy brief a cura di Cinzia Bianco, Visiting Fellow di ECFR, analizza in dettaglio le implicazioni per l'Europa dello spostamento degli equilibri di potere verso i Paesi arabi del Golfo. 

Gli europei hanno urgente bisogno di rafforzare il proprio ruolo geopolitico nel Golfo, superando la competizione per la definizione di un ruolo più autonomo e strategico.

Gli europei potrebbero cambiare l'equilibrio di potere nel Golfo a loro favore e contribuire alla risoluzione delle crisi principali avvicinandosi con più flessibilità ai Paesi della regione, attraverso delle coalizioni che affrontino dossier specifici.

I governi europei, inoltre, dovrebbero esaminare dettagliatamente le relazioni con le monarchie del Golfo e trovare obiettivi e priorità in comune nella regione MENA.

Muovendosi con maggiore efficacia nella politica regionale, i paesi europei possono costruire nuove alleanze per perseguire gli obiettivi prefissati. Tenere in considerazione la dimensione regionale di crisi come Iraq, Libia, Yemen consentirebbe agli europei di contrastare le minacce e cogliere le opportunità per accrescere il proprio potere geopolitico.