L’Europea tornerà mai a fidarsi dell’America?

Mentre i leader occidentali sono riuniti a Londra questa settimana, è possibile rilevare un'enorme frattura sotto la superficie

Chairman of the Centre for Liberal Strategies
Also available in

Nel 1991, arrivai a Detroit per la mia prima volta in assoluto negli Stati Uniti. I miei ospiti, dell'ormai dismessa United States Information Agency, erano determinati a mostrare a me e agli altri bulgari del mio gruppo non solo il sogno americano, ma anche il lato oscuro dell'America. Prima di poter visitare la città, abbiamo ricevuto istruzioni su come comportarci in luoghi apparentemente pericolosi. I nostri ospiti americani furono chiari sul fatto che se non volevamo diventare vittime, non dovevamo comportarci come tali. Camminare in mezzo alla strada e guardarsi intorno nervosamente nella speranza di individuare un agente di polizia non avrebbe fatto che aumentare la probabilità di essere aggredito. Mantenete la strada, sottolinearono.

Fin dall'elezione del Presidente Trump nel 2016, noi europei abbiamo seguito lo stesso consiglio in materia di politica internazionale. Ci preoccupiamo di non apparire come vittime, nella speranza che questo ci eviti di essere scippati in un mondo abbandonato dallo sceriffo di fiducia.

Mentre Trump ha insultato le istituzioni internazionali e abbandonato gli alleati a partire dalla Siria fino alla penisola coreana, i politici su questo lato dell'Atlantico si sono trovati a cercare di percorrere una linea sottile: da un lato, vogliono proteggersi da Washington che volge le spalle all'Europa; dall'altro, vogliono assicurarsi che la copertura non spinga l'amministrazione Trump ancora più lontano.

Di conseguenza, le politiche europee nei confronti degli Stati Uniti hanno oscillato tra l'affermazione della nostra capacità di fare tutto da soli e il panico fingendo che tutto sia come prima. Si veda, ad esempio, quando il presidente francese Emmanuel Macron ha recentemente proclamato che la NATO stava vivendo una “morte cerebrale” e il cancelliere tedesco Angela Merkel ha risposto rapidamente insistendo sul fatto che “la NATO rimane vitale per la nostra sicurezza”.

Nell’incontro dei leader dei paesi NATO questa settimana a Londra, molta attenzione è concentrata sui disaccordi tra Macron e Merkel. Ma sotto la superficie sta emergendo un nuovo consenso europeo sulle relazioni transatlantiche che rappresenta un enorme cambiamento. Fino a poco tempo fa, le speranze della maggior parte dei leader europei erano legate all'esito delle elezioni presidenziali americane. Se Trump dovesse perdere nel 2020, credevano che il mondo sarebbe in qualche modo tornato alla normalità.

Tutto ciò è cambiato. Mentre i governi favorevoli a Trump in Europa, come quelli in Polonia e Ungheria, seguono ancora i sondaggi e incrociano le dita che Trump avrà altri quattro anni di mandato, i liberali europei stanno rinunciando alla speranza. Non è che non seguono più la politica americana. Al contrario, fanno religiosamente attenzione alle udienze per l'impeachment del Congresso e pregano per la sconfitta di Trump. Ma hanno finalmente iniziato a rendersi conto che una vera politica estera dell'Unione europea non può basarsi su chi si trova alla Casa Bianca.

Qual è la spiegazione di questo cambiamento? E' plausibile che i liberali europei non siano convinti delle visioni di politica estera degli speranzosi democratici e rilevino tendenze isolazioniste anche nel partito. Gli europei stanno ancora cercando di capire come è successo che Barack Obama, probabilmente il presidente americano più europeo e più amato dagli europei, fosse anche il meno interessato all'Europa. (Almeno fino all'arrivo di Trump.)

Gli europei sono anche spaventati dalla prospettiva di uno scontro in stile guerra fredda tra Stati Uniti e Cina. Un recente sondaggio ECFR ha rilevato che nei conflitti tra Stati Uniti e Cina, la maggioranza degli elettori europei vuole rimanere neutrale, trovando una via di mezzo tra le superpotenze. C'è una buona ragione per questo: L'Europa rimane economicamente legata alla Cina in modi che Washington non sembra apprezzare, come dimostra il recente dibattito sul progetto del gigante cinese delle telecomunicazioni Huawei di costruire reti 5G in tutto il continente.

Ma a parte questo, credo che ci sia un cambiamento più fondamentale: I liberali europei hanno capito che la democrazia americana non produce più una politica consensuale con una politica estera prevedibile. Il cambio di presidente non significa solo una nuova figura alla Casa Bianca ma anche, di fatto, un nuovo regime. Se i democratici dovessero trionfare nel 2020 e un presidente favorevole all'Europa prendesse il timone, non c'è alcuna garanzia che nel 2024 gli americani non eleggeranno un presidente che, come Trump, vedrà l'Unione Europea come un nemico e cercherà attivamente di destabilizzare le relazioni con l'Europa.

L'autodistruzione del consenso americano in materia di politica estera è stata fortemente dimostrata non solo durante le recenti udienze di impeachment  che hanno visto la politicizzazione della politica nei confronti dell'Ucraina, ma anche dal fatto che lo spettro della sovversione russa non abbia provocato una reazione allergica bipartisan. Quando agli elettori di Trump è stato detto che il Presidente russo Vladimir Putin ha sostenuto il loro candidato, hanno iniziato ad ammirare Putin invece di abbandonare Trump.

Negli ultimi 70 anni, gli europei sanno che, indipendentemente da chi occupa la Casa Bianca, la politica estera e le priorità strategiche dell'America saranno coerenti. Oggi, tutte le scommesse sono saltate. Sebbene la maggior parte dei leader europei siano rimasti sconvolti dai commenti derisori di Macron su NATO e Stati Uniti, molti sono ancora d'accordo con lui sul fatto che l'Europa ha bisogno di una maggiore indipendenza in materia di politica estera. Essi vogliono che l'Europa sviluppi le proprie capacità tecnologiche e la capacità di operazioni militari al di fuori della NATO.

Il vertice NATO di questa settimana potrebbe aver cambiato l'attuale stato d'animo dell'Europa per quanto riguarda il futuro delle relazioni transatlantiche? E' più facile sperare che scommettere. All'indomani della guerra fredda, il vicepresidente Dan Quayle ha promesso agli europei che “il futuro sarà migliore domani”. Si sbagliava. E i leader europei si stanno rendendo conto che il futuro era effettivamente migliore ieri.

 

Ivan Krastev è un opinionista, presidente del Centro di Strategie Liberali a Sofia, membro permanente dell'Istituto per le scienze umane di Vienna e, più recentemente, autore di “The Light That Failed: A Reckoning “, con Stephen Holmes.

L'articolo è stato originariamente pubblicato su New York Times.