Il silenzio delle armi: la riconciliazione a Sinjar nel post ISIS

Sinjar: una delle aree dell'Iraq più complesse e contese

ECFR Alumni · Visiting Fellow
Full text available in English
Also available in

In un nuovo rapporto del Programma MENA di ECFR, l’autrice Rania Abouzeid analizza una delle aree dell’Iraq più complesse e contese, dove centinaia di migliaia di sfollati stanno cercando di ricostruire le proprie vite. La riuscita di tale sforzo dipende dalla risoluzione di alcuni tra i più importanti problemi politici, economici e sociali che toccano l’Iraq, specialmente quelli derivanti dalla presenza dell’ISIS in alcune parti del paese.

La situazione attuale denota l’esistenza di più ampie sfide poste al governo iracheno e alla comunità internazionale nel tentativo di riportare il paese ad un certo grado di stabilità. L’eventuale fallimento nell’affrontare tali questioni si tradurrà in una situazione di continua instabilità, che porterà con sé il rischio dell’emergenza di nuove forme di estremismo e crescita delle ondate migratorie – cui l’Europa costituisce la destinazione principale.

I problemi locali presenti a Sinjar richiedono soluzioni e contributi tanto nazionali quanto regionali. Coloro che hanno contribuito alla distruzione della regione, inclusi diversi stati occidentali, non hanno soltanto un dovere morale di contribuire alla ricostruzione materiale e sociale dell’area – ma anche un interesse vitale nel farlo.

DOWNLOAD: PDF

AUTRICE:

Rania Abouzeid è una giornalista di base a Beirut, autrice di No Turning Back: Life, Loss, And Hope in Wartime Syria. Negli ultimi quindici anni ha seguito il Medio Oriente e l’Asia meridionale; ha ottenuto diversi riconoscimenti tra cui il Michael Kelly Award ed il George Polk Award.

MEDIA:

Per commenti ed interviste:

Anna Ramic, Communications Director di ECFR

[email protected]  T: +49 (0)30 3250510-27 M: +49 (0)151 65114216; [email protected].