In patria e all’estero: la proiezione di potere di Mohammad Bin Salman

Le recenti mosse della leadership saudita potrebbero segnare l'inizio della tanto attesa ascesa al trono del principe ereditario

Planet Labs, Inc. CC BY-SA
Also available in

L'Arabia Saudita è stata scossa dall’arresto di alcuni membri anziani della famiglia reale e dal crollo del prezzo del petrolio. Questi eventi sono correlati, e la riprova che il principe ereditario Mohammad bin Salman sta cercando ancora di affermare l’influenza del regno al di là dei confini, così come di consolidare la propria leadership in patria.

L'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC) ha indetto la scorsa settimana un vertice d'emergenza con i produttori di petrolio non-OPEC per discutere l'impatto del coronavirus sul mercato globale del petrolio. Durante l'incontro, l'Arabia Saudita ha spinto con forza per rinnovare un accordo sul taglio delle quote di produzione in modo da far alzare i prezzi del petrolio. La Russia, poiché meno colpita dal crollo degli ordini cinesi, temeva che i tagli alla produzione avrebbero avuto un impatto sulle proprie finanze. Per questo, ha rifiutato il rinnovo dell'accordo, mettendo fine alla cooperazione strategica pluriennale nel settore tra i due Paesi. L'Arabia Saudita ha reagito rapidamente, tagliando unilateralmente i prezzi all'esportazione di quasi il 10%. La strategia di Riyadh è quella di sfruttare le proprie capacità di produttore “swing” (cioè capace di influenzare indipendentemente i prezzi a livello globale) per far scendere il valore del petrolio, aspettandosi che la Russia non sarà in grado di sostenere la situazione. In questo modo, Riyadh spera che Mosca sarà costretta a rinegoziare un nuovo accordo OPEC+, sotto l'indiscussa leadership saudita. Il piano ha tutte le caratteristiche dell'approccio politico proprio di Mohammad bin Salman.

Nonostante questa strategia potrebbe rivelarsi efficace, l'impatto immediato sul mercato energetico globale è stato disastroso, facendo crollare il prezzo di riferimento globale del petrolio Brent a 28 dollari. Ciò ha causato il crollo dei mercati azionari in tutto il mondo: in Arabia Saudita ha significato un calo dell'8% sulla borsa di Riyadh e in un sostanziale crollo del prezzo del titolo Saudi Aramco.

L’incertezza economica può ancora creare problemi a Mohammad bin Salman. Il principe ha recentemente promosso una serie di campagne per convincere cittadini e magnati dell'economia ad acquistare azioni della Saudi Aramco; inoltre, ha sostenuto a lungo una maggiore privatizzazione e finanziarizzazione dell'economia saudita. Nella recessione che potrebbe potenzialmente arrivare, tali cambiamenti rendono le economie più vulnerabili agli shock. Oltre a ciò, un calo prolungato dei prezzi del petrolio potrebbe togliere liquidità ai progetti di investimento previsti per la Vision 2030 di Mohammad bin Salman e ai programmi di welfare che lo Stato saudita offre tradizionalmente ai suoi cittadini. Una leadership debole all'estero potrebbe ritorcersi contro il principe in patria.

In questo contesto, la corte reale ha raggiunto l'apice di sopportazione a critiche e disaccordi sulle strategie di Mohammad bin Salman. L'ascesa del principe ereditario ha a lungo polarizzato la grande famiglia reale saudita. La “vecchia guardia” comprende membri anziani della famiglia molto scettici nei confronti della traiettoria attuale, che stravolge le tradizioni decennali. Tra le strategie del principe vi sono riforme di liberalizzazione sociale; rapida e radicale modernizzazione di un modello politico-economico che garantisce interessi e reti di clientelismo; tattiche di controllo di prezzi del petrolio; politica estera eccezionalmente aggressiva che ha portato, tra l'altro, alla guerra nello Yemen; strategie di investimento rischiose; e la messa sul mercato delle quote di Saudi Aramco.

Entrambi gli individui più importanti arrestati nelle prime ore dello scorso sabato sono ben collegati a livello internazionale. Il precedente principe ereditario Mohammad bin Nayef era la scelta preferita per la successione reale della Central Intelligence Agency e delle altre agenzie di intelligence. Mohammad bin Nayef è stato costretto a ritirarsi nel 2017 e sostituito come erede da Mohammad bin Salman. È sempre stato un forte critico sia della guerra nello Yemen che dell'approccio sempre più aggressivo dell'Arabia Saudita nei confronti di Turchia e Qatar. Dal 2017 in poi è stato messo sotto sorveglianza, i propri beni congelati e la sua libertà di movimento limitata.

Il secondo detenuto è il principe Ahmed bin Abdulaziz, il fratello minore del re Salman. Anche lui, da tempo, è in disaccordo con il nipote, Mohammad bin Salman. Nel 2018 si è permesso di parlare a dei gruppi che manifestavano contro i “crimini di al-Saud” nello Yemen fuori dalla propria residenza di Londra, dicendogli che i veri responsabili sono il re Salman e Mohammad bin Salman e non l'intera famiglia reale. Nelle lettere inviate al Guardian nel 2015, Ahmed bin Abdulaziz è stato identificato come l'unico erede legittimo dei reali che hanno rifiutato la leadership di Mohammad bin Salman. Il principe era presumibilmente uno dei soli tre reali nel Consiglio di Fedeltà a votare contro l'elevazione di Mohammad bin Salman alla sua attuale posizione dopo la cacciata di Mohammad bin Nayef nel 2017.

Sebbene non ci fossero indicazioni che questi individui stessero attivamente pianificando un colpo di stato contro Mohammad bin Salman, questo è il contesto dell'accusa di tradimento mossa ufficialmente contro di loro. Oltre a loro, diversi altri principi sarebbero stati arrestati o agli arresti domiciliari. Si dice ora anche che le autorità vaglieranno presto le alleanze all'interno del Ministero degli Interni, guidato in precedenza sia da Ahmed bin Abdulaziz che da Mohammad bin Nayef. Tuttavia, poiché alcuni detenuti sono stati rilasciati rapidamente, l'operazione sembra essere stata un modo per Mohammad bin Salman di riaffermare la propria autorità su quei reali critici nei suoi confronti, in preparazione dell’imminente successione al padre.

Infatti, che ci sia stato o meno un colpo di stato in attiva pianificazione, sembra che Mohammad bin Salman abbia fretta di salire al trono. Una transizione mentre re Salman, il più fedele alleato del principe, è ancora in vita, renderebbe indubbiamente meno probabili le sfide nel Consiglio di Fedeltà e nelle strutture dello Stato. Re Salman si ritirerebbe e resterebbe Custode delle Due Moschee Sante, e suo figlio, il suo braccio destro dal 2009, assumerebbe il ruolo che il padre ha voluto a lungo per lui. Avere un presidente dalla propria parte alla Casa Bianca, come Donald Trump, sarebbe un altro fattore cruciale, soprattutto se si considera che tutti i maggiori contendenti democratici per la nomina presidenziale degli Stati Uniti sono stati molto critici nei confronti dell'alleanza con l’Arabia Saudita, con Bernie Sanders che ha pubblicamente definito i leader sauditi “teppisti assassini“.

Individui vicini ai circoli di Mohammad bin Salman hanno a lungo parlato della leadership dell'Arabia Saudita al G20 di questo novembre come di un momento opportuno per la transizione. Mohammad bin Salman avrà la possibilità di interagire da vicino con altri leader mondiali, stabilendo relazioni personali e convincendoli dell’intenzione di andare oltre le questioni che intaccano la reputazione del Paese, in particolare l'omicidio di Jamal Khashoggi e la guerra nello Yemen.

Tuttavia, ciò che la leadership saudita apparentemente sceglie di ignorare è che l'inizio di una guerra dei prezzi del petrolio durante un'epidemia sanitaria, o le divisioni all'interno della famiglia reale e delle istituzioni statali, sono fattori preoccupanti per i leader mondiali, liberali e non. Trump avrebbe affrontato le ripercussioni negative di una guerra dei prezzi del petrolio sull'economia globale tramite una telefonata a Riyadh lunedì. Inoltre, i funzionari di più capitali europee hanno lamentato privatamente la follia della mossa simile in un periodo di pandemia.

Nonostante gli europei abbiano poche capacità di influenzare gli sviluppi nella politica interna saudita o in quella petrolifera, hanno ancora tempo per prepararsi al cruciale G20 di novembre. In quanto rappresentanza più grande al vertice, gli europei dovrebbero essere particolarmente consapevoli delle aspettative di Mohammad bin Salman sull'incontro. Se coordineranno le azioni e trasmetteranno a Riyadh un messaggio coerente, i leader europei potrebbero essere in grado di farsi strada in questo delicato contesto in difesa dei propri valori e interessi. Il messaggio dovrebbe essere che una politica impulsiva non può fare dell'Arabia Saudita un leader o partner affidabile nella regione e che andare oltre le azioni passate che hanno macchiato la reputazione della leadership sarà possibile soltanto se il leader saudita mostrerà concretamente come intende cambiare rotta. Difatti, gli eventi della scorsa settimana dimostrano che la leadership saudita sembra ancora giocare a braccio di ferro sia a livello nazionale che internazionale e che la transizione annunciata è qualcosa a cui europei dovrebbero seriamente iniziarsi a preparare.