Come l’Italia è stata marginalizzata in Libia

L'Italia ha ottenuto pochi risultati attraverso la diplomazia indipendente in Libia. Potrebbe avere più successo agendo in un quadro europeo.

The Kremlin
Also available in

Il 7 gennaio, il Presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte ha tentato di sollecitare un cessate il fuoco nel conflitto libico organizzando a Roma un incontro a sorpresa tra il feldmaresciallo Khalifa Haftar, leader dell'esercito nazionale libico, e il Presidente Fayez al-Sarraj, capo del Governo di Accordo Nazionale (GAN) appoggiato dalle Nazioni Unite. Si è trattato di una mossa coraggiosa pensata per sfruttare la visita di Haftar in Italia così da incontrare una delegazione statunitense e il viaggio di Sarraj a Bruxelles per incontrare Josep Borrell, il nuovo Alto rappresentante dell'Unione Europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza. Tuttavia, il tentativo è risultato inefficace quando, secondo le dichiarazioni ufficiali, Sarraj ha annullato il suo viaggio perché insultato dalla decisione del Conte di ricevere per primo il feldmaresciallo.

Con la conferenza di Berlino del 19 gennaio, la rinascita dell'attivismo diplomatico italiano si inserisce nel disperato tentativo di recuperare una certa importanza nella diplomazia libica e quindi di proteggere gli interessi italiani in materia di sicurezza, economia ed energia in Libia. Nonostante la duratura influenza nell’ex colonia, l'Italia si trova ora ad affrontare la prospettiva di un'emarginazione permanente in Libia, dovuta in gran parte ai passi falsi diplomatici compiuti negli ultimi anni. Il governo italiano sostiene ufficialmente il processo dell'ONU che mira a ristabilire i legami politici tra il GAN e le entità politiche intorno ad Haftar, a stabilizzare la Libia e a ricostruire le istituzioni del Paese. Tuttavia, la debolezza dei governi che si sono succeduti a Roma e l'effetto distorsivo della crisi migratoria sulla politica italiana hanno limitato la capacità dell'Italia di fornire un sostegno concreto alle Nazioni Unite. La gaffe di Conte del 7 gennaio testimonia l’indebolimento del ruolo dell'Italia. I continui tentativi dell'Italia di condurre unilateralmente il conflitto potrebbero compromettere non solo il futuro ruolo che può avere in Libia, ma anche la capacità dell'Europa di impegnarsi nella risoluzione delle crisi.

La conferenza di Palermo del 12 novembre 2018 avrebbe potuto riportare l'Italia al centro del processo di pace. Durante una visita a Washington tre mesi prima, Conte aveva ottenuto l'approvazione del presidente Donald Trump per formare una “sala di controllo” italiana, come la definì il leader italiano, che avrebbe potuto rendere l'Italia il primo interlocutore degli Stati Uniti in Europa per le “sfide mediterranee” come terrorismo e, in particolare, crisi libica.

Tuttavia, da quella visita, l'Italia non è stata in grado di attuare una strategia politica coerente in Libia e si è ritrovata sconnessa dai recenti sviluppi nel Paese. Questi fattori, uniti alle crescenti interferenze in Libia da parte di paesi del Medio Oriente e Russia, hanno spinto l'Italia ai margini della diplomazia. È stata una dinamica che è iniziata con la retorica e politica italiana sulla conferenza di Palermo, che era stata progettata per andare incontro ad Haftar ma che è riuscita solo ad alienare gli alleati italiani a Tripoli. Questa realtà è diventata chiara il 4 aprile 2019, quando Haftar ha sorpreso il governo italiano lanciando un attacco a Tripoli, sferrando un colpo finale all'iniziativa della sala di controllo. Mentre la guerra continuava, l'incapacità dell'Italia di sostenere i suoi alleati libici occidentali nei forum internazionali l'ha trasformata da aspirante mediatore in uno spettatore preoccupato che apparentemente avrebbe nascosto le sue scommesse fino a sapere quale parte avrebbe prevalso nel conflitto.

Mentre la Francia ha continuato a fornire supporto materiale e diplomatico ad Haftar, l'Italia si è unita agli altri europei chiedendo un dialogo e un cessate il fuoco senza condizioni preliminari. La riluttanza dell'Italia a farsi coinvolgere maggiormente si è palesata nella sua silenziosa reazione al bombardamento di Haftar su Misrata, dove l'Italia ha un ospedale militare, nel luglio 2019 e nell'ambigua dichiarazione di Conte sull'assalto di due settimane dopo in cui ha affermato che l'Italia non è schierata né con Haftar né con Sarraj, ma con il popolo libico. La successiva perdita di credibilità dell'Italia in Libia si è potuta constatare quando, ad esempio, Sarraj ha rafforzato le relazioni del GAN con la Turchia, come formalizzato nel Memorandum d'intesa firmato a novembre. Lo ha fatto dopo aver inoltrato una serie di richieste di maggiore sostegno all'Italia, senza ottenere alcun risultato. Nel frattempo, Haftar, che non ha mai avuto bisogno del sostegno italiano, rimane fortemente critico nei confronti della presenza italiana sul territorio.

L'abbattimento dei droni italiani e americani alla periferia di Tripoli a novembre da parte di mercenari russi che combattevano a sostegno di Haftar ha solo messo in evidenza quanto le scorte italiane in Libia siano diminuite. In una dichiarazione ufficiale, Haftar si è scusato con gli Stati Uniti, ma ha accusato l'Italia di violare la sovranità libica. Così, ignorando le ripetute richieste di Sarraj di un sostegno più fermo, l'Italia sembra aver perso un alleato e non è riuscita ad assicurarne uno nuovo.

La svolta del GAN verso la Turchia ha spinto l'Italia e l'Europa in un angolo. Da allora, il rapido sviluppo delle interazioni tra Turchia e Russia sul conflitto dimostra quanto possano essere efficaci due attori politicamente decisivi.

Tutto sommato, l'Italia non ha nulla da mostrare per il proprio slancio di attivismo diplomatico. La lezione che dovrebbe trarne è che ciò che non riesce a realizzare unilateralmente, lo può realizzare in un quadro europeo. Data la sua posizione geostrategica, l'Italia non può permettersi di essere emarginata nel conflitto libico. Tuttavia, a causa dei passi falsi, così come l'intervento di altre potenze straniere nella guerra e la netta polarizzazione di Haftar da una parte del conflitto e Serraj dall'altra, l'Italia ha ottenuto proprio la marginalizzazione.

La conferenza di Berlino offre al governo italiano una buona opportunità per cambiare le sorti del Paese, forgiando una posizione paneuropea sul conflitto. Questo permetterebbe all'Italia di far leva sui rapporti storici con la Libia e sul ruolo di unico Stato europeo con una presenza ufficiale permanente sul territorio. Le iniziative che scaturiranno dalla conferenza saranno cruciali per la capacità dell'Europa di mantenere l'influenza in Libia. Tuttavia, l'attivismo della Francia sul campo a sostegno di Haftar potrebbe mettere a repentaglio tale mediazione, che permetterebbe all'Europa e all'Italia di riconquistare il proprio ruolo nel processo di pace.

Il crescente ruolo delle potenze straniere in Libia richiede una maggiore risposta comune da parte dell'Europa. In questo contesto, l'Italia danneggerebbe ulteriormente gli interessi europei in Libia se si muovesse ancora una volta unilateralmente.